“Sembra ATAC ma non è”

A Roma ci sono 442 autobus che circolano con livrea e logo ATAC, pur non essendo in alcun modo riconducibili ad ATAC.  Sono infatti di proprietà del consorzio privato RomaTPL, che dal 2010 gestisce 103 linee bus che circolano per le periferie di Roma (in fondo all’articolo l’elenco completo – potreste avere delle sorprese..).

RomaTPL si è aggiudicato l’appalto tramite gara, quale unico concorrente, e con un ribasso praticamente nullo dello 0,03% (immaginate di comprare un monolocale di 100.000 euro, chiedete uno sconto ed il proprietario vi “regala” 30 euro).

RomaTPL produce quasi il 30% dei km su gomma a Roma, detiene quindi una fetta importante del trasporto pubblico, eppure la sua presenza viene tenuta il più possibile nascosta agli utenti.

Il contratto con RomaTPL scadeva a Maggio 2018 ma è stato prorogato fino ottobre 2019. Nel frattempo è stato pubblicato un nuovo bando, e con grande sorpresa anche l’attuale Giunta della trasparenza ha mantenuto anche per il futuro gestore l’inspiegabile obbligo di utilizzare autobus con logo e livrea ATAC.

Secondo il Presidente e AD di Roma Servizi per la Mobilità “la motivazione è il sistema di bigliettazione. Siamo nel sistema metrebus, sul biglietto è indicato Atac. L’obiettivo è non creare confusione nell’utenza. Questa la scelta”

ScreenHunter_3262.jpg

In realtà fanno parte del consorzio Metrebus solo ATAC, Cotral e Trenitalia, mentre RomaTPL viene pagata al 100% dal Comune di Roma e non prende 1 solo centesimo dai biglietti. Inoltre Cotral, che fa parte del sistema Metrebus, ha una sua livrea distinguibilissima, inutile parlare di Trenitalia. Quindi così non si crea invece molta più confusione nell’utenza?

 

Qual è il motivo di tenere nascosto il gestore privato? Con il nuovo appalto, dal 2020 i gestori saranno addirittura 2, e continueranno a rimanere indistinguibili, per volontà dell’Amministrazione comunale. Come può un utente giudicare se è meglio un gestore piuttosto di un altro, o se è meglio il privato rispetto ad ATAC, se non è messo in condizioni di sapere chi sta gestendo il servizio? Già adesso numerosissimi sono i casi di utenti che si rivolgono erroneamente ad ATAC per avere informazioni su una linea che in realtà è gestita da RomaTPL. Non è questo un modo questo di ingannare gli utenti?

23 gennaio – consigli di lettura

Consigli di lettura per mercoledì 23 gennaio 2019

MESSAGGERO ROMA
L`Alta moda sbarca nell`ex deposito Atac = La moda sale in autobus sfilate nel deposito Atac
Paola Pisa
MESSAGGERO METROPOLI
Buche, triplicate le cause al Comune
Elena Ceravolo
INCHIESTA
Rifiuti, Ciacciarelli punta il dito contro Regione e Comune di Roma
Redazione
REPUBBLICA ROMA
Ex Penicillina blitz di Salvini che attacca Raggi “Lavori meglio” = Ex Penicillina, l`occupazione fantasma
Lorenzo D’albergo
TEMPO
Di Maio nomina Lino Banfi all`Unesco Fa ridere, ma a sinistra è psicodramma = Banfi all`Unesco. E scoppia il caso
Alberto Di Majo
REPUBBLICA ROMA
Eur spa pagherà 30,6 milioni di risarcimento per la Nuvola
Arianna Di Cori
MESSAGGERO ROMA
Edifici sgomberati, vigili urbani di guardia = Stabili sgomberati, sorveglianza ai vigili Salvini: Raggi si muova
Lorenzo De Cicco
MESSAGGERO ROMA
Stadio, il progetto divide M5S variante a rischio in 2 municipi
Lorenzo De Cicco
CORRIERE DELLA SERA ROMA
Toninelli-Raggi 425 milioni per la metro = Nuovo guasto, linea A a singhiozzo Dal governo 425 milioni per la metro
Andrea Arzilli

buche-triplicate

Ciaccerelli.png

nuvola