17 gennaio – consigli di lettura

Consigli di lettura per giovedì 17 gennaio 2019

CORRIERE DELLA SERA ROMA
Cumulo di salari: il capo gabinetto di Raggi criticato = Castiglione, capo gabinetto di Raggi con retribuzione d`oro
Andrea Arzilli
MESSAGGERO
Raggi e il gelo a Roma Obbligo di ricovero per salvare i clochard = Clochard, l`emergenza gelo Raggi: Obbligo di ricovero
Lorenzo De Cicco
NOTIZIA GIORNALE
Maxi discarica sull`Aniene Falda inquinata = Maxi discarica sull`Aniene È stata inquinata pure la falda
Davide Manlio Ruffolo
CAFFÈ DI ROMA
Roma `strozzata` dall`emergenza rifiuti = Dietrofront di Roma, si torna alla discarica
Daniele Castri
MESSAGGERO ROMA
I pm arrestati e le mire sul Campidoglio Nardi aspirava alla poltrona di Marra
Ste P
CAFFÈ DI ROMA 17/01/2019 8
Il Comune non paga gli asili convenzionati = Nidi, il Comune non paga da 7 mesi i convenzionati: “Siamo al collasso”
Ginevra Nozzoli
TEMPO ROMA
Spelacchio senza pace Ora indaga pure l`Anac
F Mm
TEMPO
Stadio, il giallo della relazione sparita
Fernando Magliaro
REPUBBLICA ROMA
Rifiuti, la rivolta dei municipi M5S Tmb e discariche Costa gela Raggi
Lorenzo Mauro D’albergo Favale
FATTO QUOTIDIANO 17/01/2019 23
Sulla tutela delle città devono decidere solo i tecnici = Un vincolo d`area per Roma (ma con il placet della politica)
Tomaso Montanari

nardi

spelacchio

Pubblicità

Il Comune non paga e i bambini rimangono senza asilo nido

Ieri al nido di mia figlia “Il mondo che vorrei”, un nido privato convenzionato col comune di Roma, compare l’avviso sottostante, in cui si dice che “a causa dei mancati pagamenti da maggio ad oggi da parte del comune di Roma ai nidi in convenzione, a partire dal mese di gennaio potrebbe essere sospeso il servizio”.

Ho provato a contattare il municipio X e il dipartimento dei servizi educativi, sia personalmente che tramite una dipendente che ha chiamato a sua volta il dipartimento. Nessuno risponde e quelli che lo fanno non chiariscono nulla.

La dipendente che ha risposto allo 060606 dice che le hanno detto di riferire che non è un problema delle famiglie ma del comune e dei responsabili del nido, che le famiglie non devono fare niente, a parte aspettare una comunicazione del comune. Una follia se si pensa che solo nella mia scuola più di 80 famiglie potrebbero rimanere “sospese”, in attesa di ricollocamento in altri nidi o addirittura senza un ricollocamento. Premetto che io voglio rimanere dove sto e chiedo pertanto ai miei contatti di fb dove ci sono molti giornalisti, nonché un numero non indifferente di persone che lavorano in televisione, se qualcuno sa qualcosa o può fare qualcosa, dato che non si tratta di un problema solo della mia scuola ma di molte scuole a Roma. Qualcuno può fare qualcosa per risolvere questa situazione?

firmato

Alessandra Pellegrini

avviso agli utenti.jpg